fbpx

BONUS VERDE: prorogato fino al 2024!

Relax e design nel tuo giardino!
25 Agosto 2022

La detrazione IRPEF prevista per gli interventi effettuati per la sistemazione di aree verde è stata prorogata fino al 31 dicembre 2024.

COS’È IL BONUS VERDE?

Il Bonus Verde consiste in una detrazione fiscale Irpef del 36% sulle spese sostenute per interventi effettuati per la sistemazione di terrazzi, giardini e in generale aree verde di edifici privati. 

L’agevolazione fiscale viene ripartita in dieci quote annuali di pari importo per un limite massimo di spesa pari a 5.000 euro per ciascuna unità immobiliare a uso abitativo.

Quindi, ad esempio su una spesa di 5.000 euro, la detrazione massima è di 1.800 euro per immobile, con rate da 180 euro (ovvero il 36% di 5.000).

LE SPESE DETRAIBILI

Gli interventi ammessi per la detrazione sono:

  • Gli impianti di irrigazione;
  • Realizzazione pozzi;
  • Sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni;
  • Grandi potature;
  • Riqualificazione prati;
  • Realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili;
  • Spese di progettazione relative a lavori successivamente effettuati.

Sono comprese eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

Sono invece escluse dalla detrazione la manutenzione ordinaria e l’acquisto di attrezzature specifiche.

I SOGGETTI BENEFICIARI

L’agevolazione bonus verde spetta a coloro che possiedono o detengono l’immobile oggetto degli interventi.

Oltre che dai proprietari, il bonus può essere quindi richiesto da:

– nudi proprietari;

– titolari di un diritto reale di godimento sull’immobile oggetto di intervento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);

– locatari (affittuari) o comodatari.

EDIFICI CONDOMINIALI

Le spese effettuate per interventi su parti comuni di edifici condominiali potranno essere portate in detrazione.

Fermo restando il limite massimo di € 5.000,00 per ciascuna unità immobiliare a uso abitativo.

La detrazione spetterà a ciascun condominio nei limiti della sua quota millesimale, purché egli abbia contribuito economicamente all’esecuzione dei lavori.

 LE MODALITÀ DI PAGAMENTO

Le modalità di pagamento devono essere effettuate con strumenti idonei a permettere la tracciabilità dell’operazione, quali:

1) Bonifico bancario o postale

2) Carte di credito o Carte di debito (Bancomat)

3) Assegno non trasferibile

Non è consentito, invece, effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

I DOCUMENTI DA CONSERVARE

Il contribuente deve conservare:

  • Le fatture o scontrini comprovanti la spesa. Nel documento di spesa deve essere indicato il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  • La documentazione attestante il pagamento delle spese;
  • Autocertificazione attestante che l’ammontare delle spese sulle quali è calcolata la detrazione da parte di tutti gli aventi diritto non ecceda il limite massimo ammissibile; 

Affidati al team di Garden Peticca, specializzato nei servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione dell’aree verdi.

Ci trovi in: