fbpx

Sapevi del bonus verde?

E’ tempo di chiudere la tua piscina!
20 Ottobre 2021
E’ tempo di potatura
3 Novembre 2021

Sapevi del bonus verde?

Di cosa parliamo?

Parliamo di detrazione Irpef per gli interventi effettuati per la sistemazione di terrazzi, giardini e in generale area verde di edifici privatiL’agevolazione fiscale si applica nella dichiarazione dei redditi e verrà ripartita in 10 quote annuali ,di pari importo per un limite massimo di spesa pari a € 5.000,00 per ciascun immobile avente uso abitativo.

 


Modalità di pagamento

Le modalità di pagamento devono essere effettuate con strumenti idonei a permettere la tracciabilità dell’operazione; ovvero il bancomat, carta di credito, bonifico bancario o postale e assegno non trasferibile. Questo perché le spese devono essere tutte documentate in modo da poter far fronte ai controlli da parte dell’Agenzia delle entrate.

 

La documentazione che il contribuente deve conservare sono: le fatture e ricevute fiscali che comprovano il sostenimento delle spese e la riconducibilità degli interventi; Documentazione attestante il pagamento delle spesa; Autocertificazione attestante che l’ammontare delle spese sulle quali è calcolata la detrazione da parte di tutti gli aventi diritto non ecceda il limite massimo ammissibile; La dichiarazione dell’amministratore condominiale che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti dalla legge e che certifichi l’entità della somma corrisposta dal condomino e la misura della detrazione ed, in mancanza del codice fiscale del condominio minimo (edificio composto da un numero non superiore a 8 condomini), autocertificazione che attesti la natura dei lavori effettuati e indichi i dati catastali delle unità immobiliari.

 


Interventi agevolabili

L’agevolazione riguarda specifici interventi, come la sistemazione a verde, miglioramento di impianto di irrigazione e realizzazioni di pozzi e creazioni di coperture a verde e di giardini pensili.

Inoltre, anche la progettazione o manutenzione finalizzata alla creazione di nuovi spazi verdi, la fornitura e messa a dimora di piante, arbusti e la riqualifica di tappeti erbosi e realizzazioni degli impianti di irrigazione e lavori di giardinaggio, necessari e conseguenti, rientrano tutte nelle agevolazioni del bonus verde ed in fine anche i lavori di restauro e recupero di giardini di interesse storico e artistico di pertinenza di immobili vincolati.

Come ribadito dall’agenzia delle entrate il bonus fa riferimento a interventi di natura straordinaria, con la conseguenza che sono agevolabili solo le opere che si inseriscono in un intervento relativo all’intero giardino o area interessata, consistente nella sistemazione a verde ex novo o nel radicale rinnovamento dell’esistente.

 


I beneficiari

I beneficiari solo coloro che posseggono e detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi. Oltre ai proprietari, la detrazione spetta ai nudi proprietari, titolari di un diritto reale di godimento di un immobile, locatari o comandatari.

 


Edifici condominiali 

Le spese effettuate per interventi su parti comuni di edifici condominiali potranno essere portate in detrazione. Fermo restando il limite massimo di € 5.000,00 per ciascuna unità immobiliare a uso abitativo. La detrazione spetterà a ciascun condominio nei limiti della sua quota millesimale, purché egli abbia contribuito economicamente all’esecuzione dei lavori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *